Il bollo auto fallo da noi!

La tassa automobilistica regionale di proprietà, conosciuta comunemente "bollo auto", si applica a tutti i veicoli registrati. 
In Lombardia i ciclomotori sono esentati dal pagamento della tassa di circolazione.

Perché pagare il bollo allo Studio Corona
Il nostro studio gestisce la riscossione del bollo auto interagendo direttamente col sistema della Regione Lombardia. Questo comporta molteplici benefici all'utente poiché i nostri operatori, professionisti esperti, verificano i dati e segnalano le eventuali incongruenze ed errori, come, ad esempio, gli elementi fiscali non aggiornati, un cambio di residenza in altra regione non segnalato, modifiche apportate al veicolo, bolli precedenti pagati con scadenze errate. 

Altri servizi esclusivi legati al bollo auto
Visura dello stato fiscale (la verifica dei pagamenti arretrati)
Duplicato della ricevuta di pagamento smarrita/rubata
Pratiche di esenzione dal pagamento del bollo per persone diversamente abili
Bonifiche delle posizioni contributive (disallineamento scadenze, variazioni di  residenza/regione, posizione slegate tra targa e proprietario, ecc.)
Uscita da "esenzione" dal pagamento del bollo da parte di rivenditore di veicoli
Gestione "esenzioni" per i rivenditori di veicoli 

Quando pagare?
il primo pagamento della tassa automobilistica in Lombardia deve essere effettuato entro il mese successivo a quello dell’immatricolazione. Ad esempio, nel caso di auto immatricolata in un qualunque giorno del mese di aprile 2014, il bollo va pagato entro il 31 maggio 2014.

I pagamenti successivi devono essere effettuati ogni anno, entro l’ultimo giorno del mese di immatricolazione. Per esempio nel caso di auto immatricolata ad aprile 2014, il bollo dovrà essere pagato nel mese aprile di 2014, entro l'ultimo giorno del mese. 

Per le auto immatricolate prima del 2004 le scadenze sono quelle stabilite in occasione dell’immatricolazione del veicolo.


Superbollo
Il superbollo è stato introdotto nel 2011. Si tratta di un’addizionale erariale della tassa automobilistica, il cui beneficiario è lo Stato e non la regione, come avviene per il classico bollo auto.

I possessori ovvero i proprietari, gli usufruttuari, gli acquirenti con patto di riservato dominio e gli utilizzatori a titolo di locazione finanziaria di autovetture con potenza superiore a 185 Kw devono versare questa addizionale erariale tramite l modello "F24 elementi identificativi" entro la stesso periodo di scadenza della tassa automobilistica.

Il "superbollo" è ridotto dopo cinque, dieci e quindici anni dalla data di costruzione* del veicolo, rispettivamente al 60%, al 30% e al 15%. Non è più dovuto decorsi venti anni dalla data di costruzione. I predetti periodi decorrono dall’1 gennaio dell’anno successivo a quello di costruzione.

Esempio, superbollo di un'auto costruita nel 2007 avrà la seguente riduzione:
- 60% a partire dall’1 gennaio 2013
- 30% a partire dall’1 gennaio 2018
- 15% per i pagamenti con scadenza a decorrere dall’1 gennaio 2023
- non dovuto dall’anno 2028

L’addizionale non è dovuta nei casi in cui il veicolo sia esentato dal bollo ordinario. Trovano, quindi, applicazione, anche per il superbollo, le esenzioni previste, per esempio, per i veicoli storici o per quelli in dotazione dei corpi armati dello Stato.

* da non confondere con la data di immatricolazione. Ad esempio se ho acquistato un veicolo usato di due anni di vita in Germania, la data di costruzione sarà antecedente alla data di prima immatricolazione in Italia.